Il Cappellano Militare

Non tutti anno che fu il Generale Cadorna, con una circolare del 12 aprile 1915, ad istituire il ruolo del Cappellano militare con la funzione di fornire assistenza spirituale ai soldati, tenere altoil loro morale e, nel contempo, contribuire a rispettare la disciplina tra le truppe.

Circa 2500 cappellano, col rango di ufficiali dipensati dal combatte e quasi 30000 cosiddetti preti-soldato, condivisero con i commilitoni lavoro, rischi e speranze per quattro lunghi anni.

1350 cappellani furono impiegati sul fronte, nel fango delle trincee, mentre 740 svolsero il loro ruolo negli ospedali territoriali: devoti alla bandiera, simbolo della patria, ad ognuno di loro furono affidati 3000 soldati, 1 cappellano per reggimento.

La celebrazione della Santa Messa era il momento più atteso sai soldati ma i cappellani non si limitarono alle sole messe, presenziando ai funerali dei caduti, alla cura dei cimiteri di guerra e, nei momenti più drammatici assistendo i condannati a morte per sentenza dei tribunali militari o per decimazione senza processo.

Nelle visite ai soldati in trincea i cappellani portavano spesso piccoli doni, immagini e medagliette religiose ma anche indumenti e coperte di lana, sigarette o generi di ristoro.

Uno dei compiti che contraddistinse il cappellano fu quello di aiutare i soldati, soprattutto gli analfabeti, a tenere la corrispondenza con le famiglie proponendo, nei casi più bisognosi, piccoli sussidi erogati dai comandi del corpo.

Vi furono storie di cappellani che assunsero il comando dei soldati e li guidarono in battaglia, altri che persero la vita per portare soccorso o l’estrema unzione ai feriti.

Ben 345 furono le ricompense al valore conferite ai cappellani militari ed in particolare 3 Medaglie d’Oro.

Tra i cappellani militari che rivestirono un ruolo nella storia della chiesa e dell’Italia si possono ricordare Don Angelo Giuseppe Roncalli, poi Papa Giovanni XXIII, Don Pietro Mazzolari, Don Giovanni Minzioni, Padre Agostino Gemelli (fondatore dell’ Università Cattolica del Sacro Cuore), mentre tra i preti-soldato, uno fra tutti, il coscritto Giovanni Forgione da Pietralcina che diventerà poi Padre Pio.

Articolo a cura di Lorenzo Pellizzari

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi